✍ Tra Caligola e Lucifero

Giunti, viti, raccordi e bulloni sfrigolano di dolore sotto le incessanti sollecitazioni del manto stradale dissestato. Lo chauffeur fa del suo meglio per evitare basoli sconnessi, sampietrini divelti, crateri e sporgenze  disseminati nelle zone asfaltate, e non tanto per riguardo alla vettura che conduce , quanto per evitare fastidiose soste o interruzioni del viaggio. Oggetti abbandonati sulla carreggiata, di svariate forme e dimensioni, sfibrano i sensi già tesi del pur esperto autista.

Con gli occhi incollati sulla strada, la sigaretta fra le labbra e la camicia sbottonata, che lascia intravedere un torace magro, glabro e imperlato di sudore, Gennaro, da tutti conosciuto come “rin’o niro”, per il suo incarnato scuro e i capelli ricci, sta portando a termine il quarto trasporto della giornata. L’ultimo.

Il sole picchia duro, implacabile e la città, in piena ebollizione, è vuota. E fetida più del solito. I cumuli di rifiuti di ogni specie , ammonticchiati qua e là sul ciglio dei marciapiedi, strabordanti dai cassonetti, sotto l’intensa spinta del calore, alitano nell’atmosfera il peggio della loro essenza e sversano sulla strada liquami puteolenti, magnifico terreno di coltura per scarafaggi pasciuti e giganteschi, ratti mostruosi e voraci, stormi di mosche e bestie sconosciute.

Rino impreca e bestemmia. Quelle stradacce gli fanno perdere del tempo prezioso, potrebbe sicuramente incrementare le corse se fossero almeno decenti. Ormai è quasi giunto a destinazione e già pensa al mare e alla bella frittata di maccheroni che l’aspettano a “mappatella beach” . Una solitaria pattuglia della stradale è ferma all’incrocio. O’nir aguzza gli occhi, dopo essersi asperso il sudore dalla fronte con il dorso della mano sinistra. E accosta con calma.

L’acqua è un brodo torbido e giallastro e, a quell’ora, gran parte delle gente è andata via. Gennaro sguazza soddisfatto tra buste di plastica, scorze di melone e qualche pezzetto di merda. Poi raggiunge il materassino e vi si stende sopra, rilassato. Con gli occhi chiusi rivisita la sua operosa giornata. Nonostante il periodo estivo le consegne sono aumentate ed è riuscito a guadagnare ciò che, normalmente, riesce a intascare in una settimana. E la mazzetta che ha dovuto dare alle guardie è stata compensata dal boss che ha voluto premiare la sua alacrità e fedeltà con un bonus. Alla paga promessa di 6000 euro ha aggiunto, generosamente, 500 euro e 50 grammi di cocaina purissima.

✡ ogni riferimento a persone, fatti, cose o animali è puramente casuale
About these ads

Un pensiero su “✍ Tra Caligola e Lucifero”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...